Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di Tripadvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Miniera di Sos Enattos

8 recensioni
Non ci sono tour o attività prenotabili online nelle date selezionate. Scegli un'altra data.

Miniera di Sos Enattos

8 recensioni
Non ci sono tour o attività prenotabili online nelle date selezionate. Scegli un'altra data.
Google
Tour e attività più venduti a e vicino a Sardegna
Tour di Porto Flavia
33 recensioni
a partire da USD 16.90
Altre info
a partire da USD 4.54
Altre info
a partire da USD 60.37
Altre info
a partire da USD 66.41
Altre info
8recensioni3domande e risposte
Valutazione
  • 2
  • 2
  • 2
  • 1
  • 1
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
Lingua
Filtri selezionati
  • Filtra
  • Italiano
Pierpaolo ha scritto una recensione a ago 2020
Latina, Italia105 contributi90 voti utili
"La miniera è chiusa, non per nostra volontà. Mancanza fondi..." ci illustra un laconico signore. Francesco ha lavorato nella miniera dal 1985 e ci lavora tutt'ora, non vuole abbandonarla. Location mozzafiato. Posto stupendo, davvero ben conservato. Pulito, ordinato...sembra ancora funzionante. Riproveremo ogni anno a tornare. Speriamo bene
Scopri di più
Data dell'esperienza: agosto 2020
3 voti utili
Utile
Condividi
Tharams83 ha scritto una recensione a lug 2018
13 contributi11 voti utili
Scendendo verso la miniera si nota il bel panorama minerario,ma quando arrivi giù,ecco li trovi la sorpresa.......Sito chiuso non a causa dei minatori.Nessuno che ti da un informazione tutti divieti di entrare oltretutto vedi anche le macchine di chi fa il custode ma il menefreghismo è alto.La cosa più brutta è che L IGEA l'ente che ha il sito, sul proprio sito non dice nulla.Si devono che vergognare.
Scopri di più
Data dell'esperienza: luglio 2018
5 voti utili
Utile
Condividi
carlatour48 ha scritto una recensione a nov 2015
Imola, Italia3’444 contributi341 voti utili
Dietro prenotazione abbiamo fatto una visita guidata da Franco Marras ex minatore in questa miniera di recente apertura ai visitatori, scendiamo mt. 280 con montacarico poi seguiamo per 900 metri il cunicolo principale qui si estraeva zinco, stagno e galena ed è mrimasta attiva dal 1964 al 1977 molto interessante la visita un pò umido l'ambiente.
Scopri di più
Data dell'esperienza: settembre 2015
Utile
Condividi
Silvana M ha scritto una recensione a apr 2015
Osaka, Giappone97 contributi21 voti utili
sicuramente una gita diversa dal solito, si scende con un ascensore a 80 mt sotto terra, l'impatto è molto interessante , piuttosto buio e con acqua che sgocciola da tutte le pareti, il percorso e lineare tra spazi illuminati e lunghi tragitti al buio, e comunque da una forte idea del duro lavoro che spettava ai minatori, la guida ci spiega il lavoro che si svolgeva e anche qualche interessante aneddoto,in tutto circa un ora di percorso,unico neo la lunga attesa all'ingresso con la fila un po male organizzata, comunque un posto interessante da visitare se ci si trova nella zona.
Scopri di più
Data dell'esperienza: aprile 2015
Utile
Condividi
Michele A ha scritto una recensione a ott 2014
Milano29 contributi33 voti utili
Avete visitato le miniere di sale a Wieliczka, in Polonia? Oppure qualche altro complesso minerario con migliaia di persone in visita e addetti in uniforme? Beh, a Lula cose simili vanno lasciate alle spalle. A Sos Enattos si arriva attraverso una strada stretta ma breve e il parcheggio è alla buona. La strada inferiore, dove pure si può sistemare l'automobile, sta franando. Il personale è costituito da ex minatori (i lavori sono terminati nel 1997). Prima si visita il museo, semplice e arricchito con aggiunte "fantasiose" dell'artigianato locale. Poi si scende nei tunnel e qui è tutto il bello: la ristrutturazione degli ambienti sta a zero, fatte salve le minime condizioni di sicurezza. Ecco quindi fango che è un piacere, acqua sgocciolante, traversine dei carrelli a far da dislivello nell'ambiente buio e illuminato da lampade rare quanto forti, zuccate che senza il casco servirebbero i cerotti e così via. Il senso di fatica e di oppressione suscitato dagli stretti condotti è palpabile. Il percorso è pressoché rettilineo e non riserva sorprese. Più avanti si scende nei tunnel più recenti, alti e cementati ma pure impressionanti. E' comunque questione di pochi minuti e si risale in superficie. Chiedere di sistemarsi sul rimorchio dei furgoncini - e non all'interno - rende quest'ultima fase abbastanza eccitante. La guida - un uomo dai baffoni bianchi alla moda di Vittorio Emanuele II - si lascia prendere dall'entusiasmo quando parla in sardo, mentre con l'italiano incontra qualche piccolo ostacolo che impedisce di soddisfare appieno le curiosità. Pannelli illustrativi e informazioni accessorie al minimo (o meno), comfort idem, autenticità dell'esperienza invece su livelli più che dignitosi. Sos Enattos merita una deviazione durante una visita (non mordi e fuggi) del centro Sardegna. Ma gli stranieri stiano pure alla larga. In ultimo: talvolta la miniera è aperta anche nel week-end. Ma non provate a telefonare in questi giorni: nessuno risponderà per cui, una volta lì, se si becca la partenza della visita guidata bene, se no ci si attacca e si aspetta.
Scopri di più
Data dell'esperienza: ottobre 2014
2 voti utili
Utile
Condividi
Indietro
12