Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

Chiesa di San Claudio al Chienti

Contrada San Claudio, 62014, Corridonia, Italia
+39 0733 283260
Sito web
Salva
Il meglio delle recensioni
Il silenzio

Vale la pena fare una visita a questa bella chiesa, tuffarsi nella bellezza e nel silenzio per Leggi il seguito

Recensito ieri
Roberto A
da dispositivo mobile
Luogo dello spirito

Chiesa meravigliosa. E posizionata fuori dal contesto cittadino in un ambiente bucolico. Facile da Leggi il seguito

Recensito il 25 aprile 2018
LUPOERRANTE
,
Italia
Leggi tutte le 75 recensioni
Mappa
Satellite
Gli aggiornamenti della mappa sono stati sospesi. Ingrandisci per vedere informazioni aggiornate.
Reimposta lo zoom
Aggiornamento della mappa in corso...
Dettagli
  • Eccellente58%
  • Molto buono38%
  • Nella media4%
  • Scarso0%
  • Pessimo0%
LOCALITÀ
Contrada San Claudio, 62014, Corridonia, Italia
CONTATTI
Sito web
+39 0733 283260
Scrivi una recensioneRecensioni (75)
Valutazione
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
Lingua
  • Altre lingue
Filtra

1 - 10 di 71 recensioni

Recensito ieri da dispositivo mobile

Vale la pena fare una visita a questa bella chiesa, tuffarsi nella bellezza e nel silenzio per raccogliersi nei propri pensieri!

Grazie, Roberto A
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito 25 aprile 2018

Chiesa meravigliosa. E posizionata fuori dal contesto cittadino in un ambiente bucolico. Facile da raggiungere con la macchina e ben segnalato lungo le strade. Possibilità di parcheggio nelle immediate vicinanze. Chiesa di grande fascino architettonico e perfettamente conservata. Ad oggi ancora luogo di culto e...Più

Grazie, LUPOERRANTE
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito 6 dicembre 2017

Questa magnifica abbazia a due piani, dichiarata monumento nazionale già all’inizio del secolo scorso, è uno degli esempi più belli d’arte romanica nelle Marche. Qualcuno sostiene la sua origine carolingia e comunque le sue similitudini con l’arte italo-nordica nonostante il suo impianto a croce greca....Più

Grazie, Sandro F
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Vedi altre recensioni
Recensito 5 dicembre 2017

Non si può non visitare, belle le torri campanarie, unico lo stile in pietra perfettamente abbinato al laterizio e all’arenaria, non ve la fate mancare

4  Grazie, ilbarone79
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito 7 novembre 2017 da dispositivo mobile

Chiesa romanica storica con le sue 2 torri particolarissime, la casa più bella e la parte sotto con una pianta a croce, Da visitare assolutamente

Grazie, Maurizio B
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito 30 settembre 2017

L'abbazia di San Claudio si erge in tutta al sua bellezza nella campagna marchigiana. Esempio particolare dell'architettura romanica mostra particolarità non comuni. Di fatto sopra la chiesa vera e propria c'è una sala della quale non si sanno bene le funzioni, sala Imperiale? o matroneo?...Più

Grazie, Licia R
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito 6 settembre 2017

ci sono molte voci riguardo al fatto che sotto la chiesa di San Claudio si trovi la tomba di Carlo Magno , ma a tutt'oggi non abbiamo nessuna certezza di questo...l'unica cosa sicura è che la chiesa è un bellissimo esempio di architettura romanica che...Più

Grazie, sandropieroni65
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito 4 settembre 2017 da dispositivo mobile

Un'amica mi aveva parlato del fatto che alcuni studiosi indicano nell'abbazia la tomba di Carlo Magno (anziché ad Aquisgrana ). All'interno della chiesa, in un abside si trova una lapide e fuori una statua ricorda il fatto. Verità o leggenda? Da visitare.

1  Grazie, LiLaDe
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito 17 agosto 2017 da dispositivo mobile

Splendida chiesa della quale purtroppo, per problemi di orario, abbiamo potuto visitare solo la parte superiore. In compenso abbiamo avuto la possibilità di apprezzare la bella mostra delle sculture dell'artista Sandro Piermarini, di un umorismo pieno di garbo.

Grazie, FrancoPalazzi
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Un membro di TripAdvisor
1114
Recensito 4 agosto 2017 da dispositivo mobile

Da anni desideravamo tornare, la chiesa è meravigliosa. Ora è illuminata di notte, ulteriore suggestione ad un capolavoro del romanico fra i più antichi in Italia.

Grazie, Un membro di TripAdvisor
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
In zona
Hotel nelle vicinanzeVedi tutti gli hotel a Corridonia
Hotel San Claudio
188 recensioni
A 0.96 km
Hotel Camerlengo
42 recensioni
A 3.22 km
Villa San Nicolino
6 recensioni
A 3.47 km
Domus San Giuliano
35 recensioni
A 5.09 km
Ristoranti nelle vicinanze
Ristorante San Claudio
235 recensioni
A 1.24 km
Torquati Bar Ristorante-Pizzeria Enoteca
62 recensioni
A 2.53 km
Foolish Food Lounge
73 recensioni
A 2.37 km
Havana Natural Food
122 recensioni
A 2.48 km
Attrazioni nelle vicinanze
Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi
162 recensioni
A 5.79 km
Equilibriamente
16 recensioni
A 3.04 km
Piazza Filippo Corridoni
8 recensioni
A 3.05 km
Domande e risposte
Ricevi risposte dal personale della struttura Chiesa di San Claudio al Chienti e dai visitatori precedenti.
Nota: la tua domanda verrà pubblicata sulla pagina Domande e risposte.
Regolamento per la pubblicazione
Inviate