Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di Tripadvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.
Messaggio da Tripadvisor: Chiuso temporaneamente

Pinacoteca Civica Il Guercino

4 recensioni
Non ci sono tour o attività prenotabili online nelle date selezionate. Scegli un'altra data.
Messaggio da Tripadvisor: Chiuso temporaneamente

Pinacoteca Civica Il Guercino

4 recensioni
Non ci sono tour o attività prenotabili online nelle date selezionate. Scegli un'altra data.
4recensioni0domande e risposte
Valutazione
  • 2
  • 1
  • 1
  • 0
  • 0
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
Lingua
Filtri selezionati
  • Filtra
  • Italiano
garyrobertf ha scritto una recensione a feb 2020
Bassano Del Grappa, Italia143 contributi165 voti utili
Ho visitato questa mostra nel gennaio 2020 scorso, ed intendo lasciare qui la mia testimonianza per poter aggiungere qualche elemento che aiuti ad una eventuale scelta da parte di altri utenti. Mi sono trovato a Cento quasi per caso, di ritorno da Pieve di Cento, dove avevo deciso di visitare il Museo d'Arte Moderna Bargellini ( Museo MAGI 900' ), per il quale ho rilasciato altra recensione. Una volta giunto a Cento città, mi sono imbattuto con piacere nella notizia che era stata allestita una mostra sul Guercino, divisa in due sedi: la Rocca , e la chiesa ( sconsacrata ) di San Lorenzo. La pinacoteca civica, infatti, che avevo visitato parecchi anni addietro, risulta tuttora chiusa e non agibile per via dei danni del terremoto del 2012. La mostra in oggetto ha, a mio avviso, un duplice scopo: permettere comunque la visibilità delle opere del Guercino nonostante la chiusura della pinacoteca, e raccogliere un po' di fondi col denaro dei biglietti. La mostra in sè e per sè non ha nulla di straordinario: non è esemplificativa della carriera pittorica del Guercino, non mi ha rivelato alcuna novità storica sulle tele esposte né ha richiesto grandi sforzi organizzativi dal momento che non esistono prestiti importanti da altri città italiane o straniere; essa rappresenta una rassegna dei dipinti del grande Artista, già presenti in città o in località limitrofe e, se non vado errato, anche in qualche collezione privata locale... Insomma, anziché lasciare le opere chiuse in pinacoteca, qui si sono raccolte ed esposte al pubblico. Attiguo all'ambiente della chiesa vera e propria, la mostra dei disegni, molto interessante ma a mio avviso molto specialistica, ma naturalmente questo non è un difetto, anzi...Questa è la parte più " sostanziosa " della mostra, dal momento che qui sono accolte le opere su tela, ossia le testimonianze che più da vicino rappresentano l'arte del Guercino, con i suoi colori caratteristici, le posture dei personaggi, i tagli di luce che lo hanno reso giustamente celebre fin dai suoi tempi. La parte meno " nobile " della mostra è ospitata nell'antica rocca: al piano superiore è allestita la mostra di parecchie quadrature, cioè di strappi d'affresco che, in origine, ornavano gli ambienti di due palazzi cittadini, frutto della commissione a Guercino ed alla sua bottega. I formati sono ridotti poiché le quadrature figuravano in una sorte di fregio posto nella parte alta delle vaste stanze, ciascuna delle quali ispirata ad un tema dato, forse dai committenti. Per alterne vicende ereditarie, le oltre 150 quadrature sono state smembrate fra diverse famiglie, talchè ora circa un terzo è reperito e visibile. Delle circa 50, una scelta è esposta, con l'ausilio di un audiovisivo che brevemente racconta le vicende che hanno casualmente portato alla scoperta di questo lavoro giovanile del Guercino e dei suoi aiutanti. Ciò che si vede non ha pressoché nulla a che vedere con l'arte del Guercino maturo come lo conosciamo, ed è per questo che l'ho trovato particolarmente interessante: non è frequente avere l'occasione di vedere da dove sia partita la formazione artistica di uno che poi sarà uno dei grandi protagonisti del barocco italiano.Interessante storicamente e per le sue implicazioni future, interessante perchè si vede come alcuni generi di grande fortuna a venire siano già presenti in questa commissione pittorica privata e non religiosa: le scene guerresche e di caccia, le scene illustranti i lavori nei campi e una certa attenzione all' elemento naturale come vero e proprio protagonista del quadro, mentre nella pittura ufficiale vigeva ancora e forte il dettame religioso delle scene sacre, denotano una freschezza nuova ed una sensibilità in mutamento verso una certa laicità pittorica già inaugurata, ma da poco, dal " Canestro di frutta " del Caravaggio ora all' Ambrosiana di Milano. Quindi opere, quelle esposte alla rocca, di scarso impatto visivo ma molto interessanti per le origini del fenomeno Guercino. Nel complesso, l'intero evento della mostra non merita il viaggio fino a Cento, ma ovviamente la qualità delle - tutto sommato - poche opere esposte, è indiscutibile. Guercino nella sua maturità è un grande, grande protagonista della pittura barocca italiana, ma la parabola del suo astro nascente si può cogliere al suo inizio nelle opere esposte nella rocca, ma non si riesce a seguire in quelle esposte nella chiesa di San Lorenzo, con salti e mancanze non colmati. La qualità delle pale esposte è delle più alte, con tutte le caratteristiche di forma, colore ed invenzione che testimoniano come Guercino non abbia mai cercato di facilitarsi il lavoro, anzi: nei gruppi di figure, il corpo umano è rappresentato nelle posizioni più diverse e variate; nella stesura dei colori, anche nei campi monocromatici, le tonalità sono ricche e rigorosamente ligie alle leggi della luce naturale, così come è perfetto l'equilibrio tra il naturalismo dell' osservazione reale e la compostezza classica dell'insegnamento degli Antichi. Se vi capita di passare per Cento, la mostra merita di essere vista, almeno finché non sarà riaperta la pinacoteca, che permetterà - speriamo in tempi decenti - di avere una panoramica più completa dell'ambiente artistico Centese, e non solo dell'opera del suo più illustre Cittadino. Il mio voto di 3 pallini su 5 si riferisce all'evento nella sua globalità; le opere del Guercino attualmente visibili e l'impegno dell'Amministrazione locale a renderle almeno in parte disponibili ai fruitori, li avrebbero meritati tutti.
Scopri di più
Data dell'esperienza: gennaio 2020
Utile
Condividi
FAUSTO M ha scritto una recensione a gen 2020
Budrio, Italia717 contributi272 voti utili
Una rassegna di dipinti del Guercino un grande fra i pittori a cavallo fra il 1500 e il 1600. Alcune tele sono di grande raffinatezza e di massima espressività. Si consiglia vivamente la visita.
Scopri di più
Data dell'esperienza: gennaio 2020
1 voto utile
Utile
Condividi
Michele Doricus ha scritto una recensione a dic 2019
Ancona, Italia991 contributi322 voti utili
+1
Ottima idea quella di allestire nella sua città natale una mostra basata su quadri, disegni e affreschi staccati di questo grande pittore barocco. Permanendo la chiusura della pinacoteca, la parte più ricca dell'esposizione è ospitata nella bella chiesa di San Lorenzo, ove hanno respiro le grandi pale d'altare. Una trentina le tele e una ventina i disegni. L'illuminazione lascia un po'a desiderare, ma il risultato complessivo è ottimo. Mostra imperdibile per gli amanti della pittura barocca. Complimenti agli organizzatori.
Scopri di più
Data dell'esperienza: dicembre 2019
Utile
Condividi
Lorenzo D ha scritto una recensione a mar 2018
201 contributi32 voti utili
Abbiamo visitato la pinacoteca allestita sulla chiesa di San Lorenzo. Quadri stupendi del Guercino tutto gratuito e con tanto di spigazione personale da parte di volontari. Complimenti da prendere ad esempio soprattutto perche terremotati.
Scopri di più
Data dell'esperienza: marzo 2018
Utile
Condividi
Scrivi una recensione
Come è stata la tua esperienza?
Scrivi una recensione
Condividi la tua migliore foto di viaggio
Mostra a tutti la tua esperienza attraverso i tuoi occhi.
Pubblica una foto
Ricevi risposte rapide
Rivolgi le tue domande principali agli altri viaggiatori e ai gestori delle attrazioni.
Fai una domanda
Domande frequenti su Pinacoteca Civica Il Guercino