Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.

“Francesco e il serpente”

Santuario Della Madonna Del Ponte
Al n.29 in classifica su 56 Cose da fare a Fano
Maggiori dettagli sull'attrazione
Dettagli sull'attrazione
Durata consigliata per la visita: Meno di 1 ora
Recensito 17 settembre 2018

La leggenda popolare narra che in questo luogo San Francesco uccise un grosso serpente che lo aveva aggredito. Vicino al ponte sul fiume Metauro
Venne costruita nel dodicesimo secolo.
Trovata chiusa

Grazie, Alessandro F
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Scrivi una recensioneRecensioni (6)
Valutazione
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
Lingua
Filtra

1 - 5 di 6 recensioni

Recensito 5 ottobre 2017

Piccola chiesa ai bordi della statale ed a pochi metri dal ponte che attraversa il fiume Metauro...
Famosa anche per la visita che fece il Pontefice Giovanni Paolo secondo!!!

Grazie, UbiMaiorMiniMinor
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito 13 agosto 2017

Piccolo santuario molto carino situato su un lato della Statale Adriatica che da Fano va verso Ancona. Trattandosi di strada a scorrimento veloce, forse in tanti non faranno caso a questa chiesetta di origini antiche e con un caratteristica torre merlata al posto del classico campanile, anche se la chiesetta è sul ciglio della strada.
A suo tempo fu visitata anche da Papa Giovanni Paolo II.

Grazie, Tiziana G
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito 27 febbraio 2017

l Santuario della Madonna del Ponte (o di S. Maria del Ponte) si trova sulla sponda sinistra del fiume Metauro, al lato dell'attuale strada statale Adriatica, a 3 Km da Fano e in prossimità della foce.

La chiesa ha origini antiche, forse precedenti al XII secolo.
Sicuramente i primi momenti importanti li vive nella prima metà del XIV secolo, quando in questo piccolo convento con ospedale si stabilisce il terziario francescano Beato Francesco da Montegranaro, detto anche Beato Cecco da Pesaro.
Il luogo, proprio alla foce del Metauro, è legato alla leggenda dell'uccisione nel 1215 di un gigantesco serpente, o dragone, da parte dello stesso San Francesco.
E' là che il Beato Cecco pone l'immagine a fresco della Madonna dell'Umiltà o del Latte, in un primo nucleo della chiesa che allora doveva essere una cappella aperta verso la strada per permettere la vista della Madonna ai viandanti.

La chiesa ha un aspetto che le viene dai restauri che l'hanno interessata nel 1926, quando divenne parrocchiale, e nel 1930, dopo il terremoto.
Ha una singolare pianta a T, un'unica navata con soffitti a crociera alle estremità e volta a botte al centro.
In una cappella sulla sinistra, in quello che era il vano del campanile, si conserva l'affresco della Madonna del Latte, oggetto nei secoli di grande venerazione, come testimoniano anche i numerosi ex voto ancora esposti. Nel 1984, in occasione della visita del Papa Giovanni Paolo II a Fano, alla Madonna e al Bambino sono state aggiunte due corone. Prima del 1926 al posto di questa cappella c'era un grande arco (ora tamponato) chiuso da una cancellata, per permettere dall'esterno la visione della Madonna.
Di rimpetto, sulla parete destra, si trova una struttura in pietra costruita nel 1597 per ospitare un tabernacolo reliquiario e al di sotto l'affresco della Madonna, poi trasferita nel 1926 nella cappella attuale. Attualmente vi si trova la fonte battesimale.
La chiesa possiede altre opere pittoriche di una certa importanza: sulla parete di destra un affresco, di scuola peruginesca, della Madonna in trono affiancata da S. Rocco e nel fondo, sulla parete destra del presbiterio, un altro affresco rappresentante l'Ultima cena.
Sull'altare maggiore era originariamente esposto lo stupendo polittico eseguito nella prima metà del 1400 da due maestri veneti ed ora conservato nella Pinacoteca civica di Fano. Il polittico viene attribuito al Gianbono e al cosiddetto maestro di Roncaiette, in due registri completamente distinti.
Al suo posto è ora presente uno splendido crocifisso ligneo del 1710 (1).
L'attuale torre merlata è frutto della ricostruzione della torre a campanile, crollata a seguito del terremoto del 1930. Prima ancora era una torre di avvistamento, costruita nel 1486 per contrastare le incursioni dei Turchi.

La festa del santuario, ancora oggi molto seguita, si svolge il martedì di Pasqua nella adiacente pineta.

Grazie, michelecalzini
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Vedi altre recensioni
Recensito 7 settembre 2016

ci sono stato il 2 e 3 settembre 2016 dove nel parco adiacente alla chiesa si svolge il palio delle contrade e dove il vescovo monsignor Trasarti a uficializzato la santa messa, la chiesa è stupenda ha solo un lato negativo che è a confine can la strada principale e quindi è molto trafficata.

Grazie, stefano s
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.

Gli utenti che hanno visto Santuario Della Madonna Del Ponte hanno visto anche

Fano, Provincia di Pesaro e Urbino
Fano, Provincia di Pesaro e Urbino
 
Fano, Provincia di Pesaro e Urbino
Fano, Provincia di Pesaro e Urbino
 

Conosci Santuario Della Madonna Del Ponte? Condividi la tua esperienza!

Proprietari: qual è la vostra versione dei fatti?

Siete proprietari o gestori di questa struttura? Richiedete gratuitamente il profilo per tenerlo aggiornato, rispondere alle recensioni e tanto altro ancora.

Richiedete il vostro profilo