Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di Tripadvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.
Salva
Il meglio delle recensioni
Interessante

Un semplice portale accede a questa chiesa seicentesca in puro stile neoclassico, recentemente ben Leggi il seguito

Recensito il 12 agosto 2015
Raniero M
,
Roma
Una bellissima statua lignea

Costruita dai Carmelitani Scalzi nel 1643, la chiesa, in stile neoclassico, è inglobata all’interno Leggi il seguito

Recensito il 5 giugno 2015
digioma1
,
Monza, Italia
Leggi tutte le 3 recensioni
  
Recensioni (3)
Filtra recensioni
3 risultati
Valutazione
0
3
0
0
0
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
LinguaTutte le lingue
Valutazione
0
3
0
0
0
Scopri i commenti dei viaggiatori:
Filtri selezionati
Filtra
Aggiornamento elenco in corso…
Recensito il 12 agosto 2015

Un semplice portale accede a questa chiesa seicentesca in puro stile neoclassico, recentemente ben restaurata.
Risulta ubicata all'interno di un grande edificio, l'ex convento dei Carmelitani Scalzi conosciuto come palazzo Merolli, in quanto fu l'Archiatra pontificio Vittorio Merolli a promuovere la costruzione del complesso, come ricorda una lapide nella chiesa.
Tra le opere presenti da citare una preziosa statua lignea del Cristo Risorto ed all'entrata un dipinto seicentesco della Madonna.

Data dell'esperienza: agosto 2015
Grazie, Raniero M
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 5 giugno 2015

Costruita dai Carmelitani Scalzi nel 1643, la chiesa, in stile neoclassico, è inglobata all’interno di Palazzo Merolli, detto anche degli Scalzi.
Abbiamo potuto vedere al suo interno una data: 1682, apposta dai frati Carmelitani Scalzi, in segno di ringraziamento verso l’Archiatra Pontificio Vittorio Merolli di Sassoferrato, mecenate costruttore del complesso.
Restaurata di recente, conserva al suo interno una preziosa statua del Cristo Risorto in legno d’olivo dorato, scolpita nel 1630 e un dipinto di autore anonimo, raffigurante un’Ultima cena . Anche sugli altari laterali abbiamo potuto apprezzare notevoli tele del Sec. XVII. Dobbiamo riconoscere che la cittadina di Sassoferrato è stato per noi una sorpresa , così anche per il territorio circostante che offre ad un turista interessato all’arte una incredibile offerta . Sicuramente ci torneremo !

Data dell'esperienza: giugno 2015
1  Grazie, digioma1
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.