Abbiamo notato che stai utilizzando un browser non compatibile. E'possibile che il sito di TripAdvisor non sia visualizzabile.Il nostro sito e' ottimizzato per i seguenti navigatori:
Windows: Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome. Mac: Safari.
Salva
Il meglio delle recensioni
una signora basilica

Un monumento meraviglioso. Un gioiello della nostra Lomellina. Fra parentesi un luogo che si presta Leggi il seguito

Recensito il 29 ottobre 2018
franco59Vigevano
,
Vigevano, Italia
Matrimonio

È stata la chiesa che ho scelto per il mio matrimonio. Un sogno, bellissima la chiesa e la via che Leggi il seguito

Recensito il 14 ottobre 2018
Monica B
da dispositivo mobile
Leggi tutte le 52 recensioni
  
Recensioni (52)
Filtra recensioni
52 risultati
Valutazione
38
13
1
0
0
Tipo di viaggiatore
Periodo dell'anno
LinguaTutte le lingue
38
13
1
0
0
Scopri i commenti dei viaggiatori:
Filtra
Aggiornamento elenco in corso…
10 - 15 di 52 recensioni
Recensito il 25 settembre 2017

Vale la pena di una visita.Non aspettatevi il Duomo di Milano o il Gesu' nuovo di Napoli , ma guardare quelle pietre che hanno resistito per 1500 anni desta ammirazione .Tanta storia è passata per questi luoghi .Meglio ascoltare una guida ma anche il..." telefono" che è a disposizione dei visitatori appena entrati, sulla sinistra ,è sufficiente ad entrare come per magia , nel medioevo.

Data dell'esperienza: settembre 2017
Grazie, giannic194
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 16 settembre 2017

Basilica romanica che risale al Mille, è stata meritoriamente riportata alle sue forme originarie con un sapiente restauro e recupero. Lunga circa 60 metri, la chiesa era in origine ancora più grande. Si notano le campate distrutte e l'antico ingresso attaccato alle fortificazioni. Con il vicino battistero costituisce uno dei più pregevoli esempi di architettura religiosa romanica della Lombardia. Unico appunto che mi sento di muovere: l'interno andrebbe liberato da alcuni orpelli che ne rovinano la sobria e poderosa eleganza (soprattutto il ''tendaggio-baldacchino dell'altare).

Data dell'esperienza: settembre 2017
1  Grazie, linocorrado
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 18 agosto 2017 da dispositivo mobile

Rivedo con piacere questo tesoro dell' architettura romanica. Bellissima da vedere esternamente, ma è vivamente consigliato prenotare la visita all' interno. Interessante la storia della chiesa e del luogo. Splendido il battistero affrescato!

Data dell'esperienza: agosto 2017
1  Grazie, Marisa B
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 6 agosto 2017

La basilica attuale risale al 1025 circa, lunga 60 metri ed a croce latina, non è l'edificio primitivo associato al battistero. La facciata originaria e la torre campanaria erano addossate alle mura romane e la navata centrale era decorata con un ciclo di stucchi. Di tutto ciò ora rimangono solo resti e rovine. La chiesa presenta una vistosa assimmetria della pianta e si ipotizza la volontà di riprodurre il corpo di Cristo in croce col capo reclinato. Negli anni quaranta e cinquanta la Basilica fu restaurata e riportata alle origini dopo gli interventi rinascimentali e bizantineggianti. Ingresso a pagamento.

Data dell'esperienza: aprile 2017
Grazie, MariTereDani
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Recensito il 7 luglio 2017

La basilica di Santa Maria Maggiore ubicata a Lomello fu costruita nel sec. XI . E’ una testimonianza architettonica del romanico lombardo.
Nel suo interno grandi archi, alleggeriti alle estremità da coppie di bifore ( vedere foto ) costituiscono un esempio di originalità costruttiva.
L’attuale basilica fu costruita nel luogo di una preesistente basilica , di cui il battistero di San Giovanni ad Fontes ne era parte, nella quale la tradizione e/o la leggenda vuole che la regina Teodolinda vi celebrò il suo matrimonio con il suo sposo Agilulfo. Era il 590 d.C.
E’ un luogo dove viene ridotta drasticamente la distanza con un passato in effetti molto lontano ma che l’atmosfera, che si avverte all’interno nella penombra delle navate, avvicina a noi in maniera epidermicamente tangibile.
Assolutamente da visitare. Mario

Data dell'esperienza: luglio 2017
Grazie, mbonardi
Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC.
Visualizza più recensioni